Valerio Luciani: Il bilancio di esercizio dopo la direttiva 2013/34/UE


Il recepimento della direttiva 34/2013/UE – avvenuto con i Decreti legislativi n. 136 e 139 del 18 agosto 2015 – segna un cambio di passo decisivo nel processo di redazione del bilancio delle nostre imprese manifatturiere, commerciali e di servizi che non applicano i Principi contabili internazionali. L’attuazione della nuova direttiva contabile ha infatti determinato l’ingresso nel Codice Civile di alcuni precetti tipici del paradigma IAS/IFRS come, ad esempio, il postulato della rilevanza e la valutazione al fair value degli strumenti finanziari derivati. Il D.lgs n. 139/2015 ha anche riscritto la disciplina del bilancio delle piccole imprese. Il presente volume affronta, con un taglio sia teorico che pratico, i cambiamenti che, a partire dal 2016, riguarderanno i vari aspetti del bilancio ordinario di esercizio delle imprese industriali: forma e struttura dei conti annuali, criteri generali e particolari di valutazione, contenuto della Nota Integrativa, redazione del bilancio abbreviato (art. 2435-bis) e del “nuovo” rendiconto “supersemplificato” delle microimprese (art. 2435-ter). Lo studio della riformata normativa bilancistica nazionale è preceduto da un sintetico richiamo alle principali fasi del percorso di armonizzazione contabile europeo. Non mancherà altresì un cenno alle caratteristiche fondamentali dell’ordinamento italiano in materia di informazione societaria, ponendo in primo piano le funzioni assolte dai Principi contabili nazionali licenziati dall’Organismo Italiano di Contabilità. Il volume è pensato per i professionisti a vario titolo interessati al tema del bilancio ma si presta all’utilizzo anche da parte di studenti universitari ad integrazione dei tradizionali manuali di riferimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *